I.S.A.
International Survival Association
 
Associazione Sportiva Culturale con riconoscimento Personalità Giuridica
 
Affiliata Federazione Italiana Survival Sportivo Sperimentale
 
I.S.A. (International Survival Association) - Corso Casale, 36 - 10131 - TORINO tel/fax 011-8196157

 

 
     
 
HOME
CHI SIAMO
REALIZZAZIONI
PROGETTI IMPIANTI ECODINAMICI
NEWS
Formazione outdoor
Corsi di Sopravvivenza
Al momento l'A.S.D. l.S.A. ha al suo attivo:

L'introduzione in Italia del Survival, nato come un gioco psico-sportivo nell'agosto '83 con la felice realizzazione del "Monte Analogo" (una gara di trekking estremo, durata cinque giorni, nel Parco Nazionale d'Abruzzo). L'idea, nata da Enzo Maolucci, fondatore e Presidente dell'A.S.D. I.S.A., si è in seguito sviluppata in competizioni sempre più ottimizzate ("Antichipassi" '84/'85 - '86/'87 al Sestriere, "la Via del Sale" '86/'87 a Limone Piemonte, "Survival Island" '87/'88 all'Isola d'Elba e in Sardegna, ecc.), che decretarono una moda e finirono con essa.

Dopo aver realizzato questi “Survival games”, l'A.S.D. l.S.A. nel settembre '86 ha promosso la fondazione della F.I.S.S.S., Federazione che riunisce le più importanti associazioni e scuole nazionali nate sulla scorta del successo ottenuto dal Survival anche nel nostro Paese. Una commissione di esperti ha formulato il primo regolamento di disciplina relativo a gare, concorsi ed esami federali a partire dal gennaio 1987.

Il Progetto Turkana, iniziato nell'87 e tuttora in corso, che ha consentito lo sviluppo di parecchie ricerche universitarie: - Paleoantropologia (Università di Torino) - Medicina psicosomatica (Università di Torino) - Medicina sportiva (ISEF di Bologna e di Torino) - Insediamenti umani (Politecnico di Torino).

Al Convegno Nazionale sugli Sport Emergenti di Porto S. Giorgio, promosso dal C.O.N.I. nel settembre 1989 (a cura del Centro di Medicina dello Sport di Bologna), il Survival è stato annoverato tra le "ATTIVITA' AD IMPEGNO COMBINATO" (accanto al Decathlon, al Pentathlon e altri sport pluridisciplinari) oltre che considerato uno dei più sicuri, poiché prevede impliciti meccanismi di autopreservazione (mai il minimo incidente si è verificato in più di 20 anni di fervida attività e in numerosissime gare).

La lunga spedizione a piedi del 1989, nel deserto della Suguta Valley, effettuata da vari sperimentatori nell'estate dell'89 edocumentata da un filmato, trasmesso in più occasioni dalla RAI.

La collaborazione con H.E.P. a uno studio sull'architettura tradizionale a Zanzibar, condotto nell'ambito di una ricerca del Politecnico di Torino per il C.N.R., ed alla realizzazione di un film per lo "Zanzibar Stonetown Workshop", convegno internazionale svoltosi a Zanzibar il 19/20 novembre 1990, organizzato in collaborazione dalla Stonetown Conservation and Development Authority (STCDA), dal United Nations Development Programma (UNDP), dal United Nations Center for Human Settlement (UNCHS - Habitat). Il documentario è stato trasmesso dalla RAI 1.

Organizzazione e allestimento di una mostra di Archeologia Sperimentale, in collaborazione con L.I.A.S.T per conto della Città di Rivoli (Assessorato Istruzione).

L'organizzazione con H.E.P. della spedizione scientifica in area Turkana finanziata da I.N.B.S. (Istituto Nazionale Biologia della Selvaggina) - Università di Bologna - Gennaio-Febbraio 1992.

Lo studio ed il contributo per la realizzazione con H.E.P. del documentario "Mali ambientali e beni culturali in Valle Bormida" (1992 - LA.TE.RA. - Dipartimento Scienze e Tecniche per i processi d'insediamento - Politecnico di Torino).

La conduzione con H.E.P. di corsi di aggiornamento insegnanti sul tema Ecologia Umana per il Provveditorato agli Studi di Torino.

La conduzione di numerosi interventi ludico-didattici per le scuole promossi dall'Assessorato al Sistema Educativo del Comune di Torino (fin dal 1986 nell’ambito di vari progetti “Città ai ragazzi”, “Caleidoscopio”, ecc.) e da altri Comuni, Enti pubblici e privati (es. Fiat).

Dal 1991 al 2000 ideazione e progettazione di un parco antropologico antesignano (Progetto Anthropos) per conto dei Comuni di Torino e Nichelino. Nel ’96 Organizzazione del Convegno internazionale “Nuovi Parchi Antropologici” – Torino – Nel ’99 Costituzione del Comitato per la realizzazione del Parco insieme a Regione Piemonte, Comune di Nichelino, Ordina Mauriziano.

Nel 1998 convenzione con la Città di Torino presso il Centro di Educazione Ambientale “Cascina Falchera” (Ass. al Sistema Educativo e Ambiente).

La fondazione, nel 1989, del primo Campo Sperimentale di Ecologia Umana a Torino (Salgari Campus), vero banco di prova per le ipotesi progettuali del parco che già divulga presso le scuole le diverse tematiche, elabora i piani ludico-didattici, forma gli animatori, sperimenta le attrezzature necessarie, ospita stages e anima le attività per adulti.

Dal 2000 pubblica il manuale ufficiale FISSS “DATI PER VIVI”, scritto da Enzo Maolucci e Alberto Salza con il contributo di vari membri della Federazione, ha ricevuto il patrocinio e il sostegno della Regione Piemonte, della Regione Lazio e della Provincia di Napoli.

Dal 2001 collabora con la SUISM (Interfacoltà di SCIENZE MOTORIE - Università di Torino) tenendo un corso di “Surviving e Abilità Ecodinamiche”.

Ha contribuito a Torino alla realizzazione e alla gestione della Mostra scientifica Regionale “Experimenta 2004” dedicata al “SopraVVivere”; ha collaborato con la costruzione di alcuni exibit, a “Experimenta 2005 e 2006” e ha allestito la mostra “Dalla Pietra al Mouse” agli Antichi Chiostri (struttura espositiva della Città di Torino).

Ha progettato e realizzato due PONTI TIBETANI estremi entrati nel GUINNESS BOOK (374 mt.), uno a Procida e uno a Torino sul Po nell'ambito della mostra scientifica Experimenta.

Nel 2004 ha collaborato al Master Universitario “Medicina delle Catastrofi” (COREP).

Ha tenuto corsi di formazione aziendale e di indirizzo psicopedagogico e naturalistico per importanti società italiane e straniere.

Ha organizzato manifestazioni in vari Parchi Nazionali e collaborato con la Protezione Civile locale.

Ha realizzato nel 2006 per il “Museo delle Alpi” - Forte di Bard (AO) la ricostruzione di un villaggio dell’età del bronzo. Realizzazione permanente allestita con i relativi elementi di cultura materiale.

Dal 2001 al 2016 ha realizzato numerosi progetti rivolti alle scuole e ai cittadini sostenuti dalla REGIONE Piemonte nei settori Sport, Istruzione e Cultura: “Alla ricerca delle abilità perdute”, “Sport per tutti” e “Darwin Design” (mostra paleo-antropologica ed etnica sull’evoluzione di cui ha curato gli allestimenti e acquisito tutti i manufatti).

Dal 2008 al 2015 Torino Ecodinamica. Sport e culture ecodinamiche c/o Salgari Campus, con il patrocinio della Città di Torino, Assessorato allo Sport e Tempo Libero

Nel 2010 nell’ambito della manifestazione “Torino Capitale Europea dei Giovani” collabora al “Vertical City Race” realizzando una teleferica manuale di 250mt sul fiume Po, che poi replica nel 2011 e nel 2012.

Nel 2010 partecipa e contribuisce alla spedizione antropologica sul Lago Turkana in Kenya finalizzata alla costituzione di una Etnoscuola in collaborazione con il Museo Nazionale di Nairobi e il Dipartimento di Antropologia dell’Università di Torino.

Nel 2011 presenta la propria Mostra interattiva “Dalla Pietra al Mouse”, ristrutturata con il contributo della Fondazione CRT, presso il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino (Maggio – settembre) e nell’ambito delle Settimane della Scienza.

Nel novembre 2011 organizza lo Stage di Formazione per Istruttori FISSS in Kenya istituendo 2 basi logistiche per corsi e viaggi avventura.

Tra il 2012 e il 2016 realizza nuovi impianti ecodinamIci a Modena, Monza, Viù, Bene Vagienna,Cornaredo(MI),Castelletto Uzzone(Cn) e presso il "Cecchi Point" di Torino.


 
     
 
 
  Copyright © 2017 International Survival Association
Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione del testo e delle illustrazioni.